PSICOLOGIA-APPLICATA.IT

Cosa fare se il partner non riesce a separarsi?

Buonasera ho una relazione con una donna sposata la quale non ama il proprio marito manipolatore, geloso, aggressivo e che la spia da una vita. Tuttavia lei non vuole separarsi da lui dice che ci ha provato in occasione di un precedente rapporto extraconiugale ma che ora non vuole cambiare la sua vita. Io del resto non ho fatto alcun discorso per farle cambiare idea. Pur essendo un consuelor non riesco a comprendere il meccanismo mentale che porta una donna colta intelligente e con una forte carica erotica a trascorrere la sua esistenza e dividere il letto con un uomo che la svaluta, la manipola e la considera una sua proprietà. Dato che molti rapporti coniugali sono caratterizzati da questo comportamento femminile ho bisogno di comprenderne l'origine. grazie



Carissimo Pietro, bisogna sempre tenere conto che i sentimenti non sono mai qualcosa di razionale. A volte pensiamo:"Perché sta con lui se non lo ama?" Pensando che a tali questioni ci sia una spiegazione razionale e logica. Purtroppo, ciò che succede riguarda le nostre emozioni e i nostri sentimenti,i nostri ricordi, i nostri legami. Anche con una carica erotica, come dice lei, molto forte,che ha portato la sua amata, alla relazione con lei, questa potrebbe avere comunque,un cuore più "casalingo". Lasciare un marito non è come lasciare un fidanzato. Con un marito hai dei ricordi in comune, delle esperienze, dei figli, un progetto di casa e di famiglia, che a buttar via si fa molta fatica. Per carità, sono sicura che la vostra sia una bella relazione, sentita da entrambi, ma chiudere un matrimonio non è così semplice come iniziare una storia d'amore. Dia tempo alla sua donna e non le chieda per favore, di lasciare il marito. Se la vostra storia decollerà, qualunque legame si dissolverà da se. Rimango a vostra disposizione. Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Buonasera Pietro, le motivazioni alla base del comportamento umano possono essere estremamente varie e a volte non è facile individuarle, soprattutto quando si è coinvolti in una situazione. In generale la scelta di lasciare il proprio marito per alcune donne è molto difficile da prendere perché, anche se il matrimonio ha aspetti estremamente negativi, l'interruzione del rapporto viene percepito come un notevole cambiamento che, come tutti i cambiamenti (anche quelli positivi) può essere estremamente stressante e può produrre grandi difficoltà, sia a livello pratico ed economico, sia a livello affettivo e psicologico. Per molte donne è molto più semplice mantenere in piedi il proprio matrimonio (a volte anche per questioni di immagine) e cercare ciò che desiderano e che non hanno al di fuori. Ovviamente la mia riflessione non può che rimanere molto generica non conoscendo nel dettaglio la situazione. Io credo che lei non dovrebbe focalizzarsi troppo su questi aspetti, ma riflettere un po' di più su stesso. Ad esempio, è disposto ad accettare questa situazione o no?
Dott.ssa Erica Tinelli

Caro Pietro, purtroppo nonostante la comprensione a livello pratico della svalutazione e del rapporto insoddisfacente, ci sono dei funzionamenti e dei meccanismi che vanno al di là della ragione. Come saprà ogni persona ha una storia di vita, uno stile familiare e relazionale e da questo, può essere difficile prenderne le distanze. Nel caso di rapporti così io suppongo spesso una sorta di dipendenza affettiva che, anche se apparentemente senza senso, ha comunque un significato di esistere. Essendo coinvolto nella relazione, il ruolo di couselor non le è possibile farlo con lei, ne è troppo coinvolto. Può invitare questa donna però a fare una riflessione su quali sono i motivi che la spingono ad una scelta così. In bocca al lupo
Dott.ssa Anna Antinoro

Leggi anche